Come mangiare consapevolmente in 5 semplici passaggi

Mangiare con consapevolezza non è una moda: consiste nell’apprendere e nello sviluppare un sano atteggiamento verso il cibo.

Ti capita spesso di mangiare di corsa? Oppure tendi a svolgere altre attività mentre mangi, come rispondere alle mail o guardare la TV? Oggi molti di noi svolgono una vita frenetica e ricca di impegni. È facile cadere nella tentazione di dare priorità al resto, sacrificando un pasto in tranquillità. A lungo andare, queste pratiche posso trasformarsi in abitudini poco sane.

Per questo, ho preparato per te alcuni suggerimenti su come mangiare con più consapevolezza. Queste pratiche ti aiuteranno a sviluppare una relazione più sana con il cibo e a liberarti dalle cattive abitudini.

Cosa significa mangiare consapevolmente?

Mangiare consapevolmente significa mangiare con “intenzione e attenzione“. Quando ti concentri su ciò che stai mangiando, le distrazioni avranno meno potere su di te. Riuscirai a rilassarti con maggiore facilità, digerendo meglio. Nel momento in cui ti accorgi del colore dei cibi presenti nel tuo piatto, annusandone gli odori e prestando attenzione al loro sapore e alla loro consistenza, l’esperienza del pasto diventerà più piacevole e soddisfacente.

Uno dei benefici di questa strategia consiste nel portare l’attenzione sul perché stiamo mangiando: è per fame? Oppure è per noia? Ascoltarci con attenzione ci permette di essere consapevoli rispetto a quello che introduciamo nel nostro organismo; ci aiuta anche a capire come ci sentiamo mentre lo mangiamo.

I Benefici

Sono numerosi i benefici legati al mangiare con consapevolezza. Quando la qualità della tua attenzione è alta, puoi apprendere ad ascoltare il tuo corpo e comprendere come il cibo ti fa sentire. Per esempio, puoi accorgerti di quando inizi a sentirti sazio, riducendo le possibilità di abbuffate. Inoltre, mangiare consapevolmente ti incoraggia a masticare il cibo con lentezza, facilitando il processo digestivo. 

Come si inizia?

1. Mangia esclusivamente quando hai appetito

Questa parte non è proprio semplice. Ci sono giorni in cui riusciamo a mangiare ai giusti orari, consumando in buona misura verdure, proteine e carboidrati. Altri giorni può capitare che ci sentiamo affamati, a causa di un duro allenamento e vorremmo anticipare i pasti. Altre volte, quando la sveglia è più tardi del solito, potremmo farci tentare dall’idea di spostare i pasti più avanti nella giornata.

Se impari a prestare attenzione al tuo corpo e ai segnali che ti manda, riuscirai a captare quando ti senti davvero affamato. Questo significa che diventerà sempre più raro l’attacco di cibo indotto dalla noia.

2. Crea una routine

Anche se ti capita di mangiare a orari diversi, per via dei turni di lavoro o degli impegni familiari, puoi dedicare al momento del pasto l’attenzione che merita. Oltre al dove e al quando, è fondamentale il come mangi. Quando elimini le distrazioni e ti concentri sul momento presente, gusterai il cibo con più piacere. Ad esempio, al posto di consumare i pasti di fronte alla TV potresti spostarti ad un tavolo situato in un’altra stanza. Scegli un ambiente rilassato e concentrarti sul pasto davanti ai tuoi occhi: questo ti aiuterà a colmare il senso di sazietà più velocemente.

3. Mangia lentamente

Mangiare consapevolmente significa coinvolgere tutti i sensi. Quando sei seduto a tavola, gustati il cibo con gli occhi e assapora il cibo con lentezza. Presta attenzione agli odori e alla consistenza di quello che c’è nella tua bocca. Infine, prova a rilassarti. Quando la mente e il corpo sono rilassati, la digestione migliora.

Nei prossimi giorni, esercitati a mangiare consapevolmente. La prima volta potrebbe sembrarti un po’ difficile. È naturale: cambiare abitudini alimentari richiede tempo. Non cercare di essere perfetto, ma trova un modo di mangiare consapevolmente che funziona per te.

B.G.
Il tuo consulente di bellezza

Potrebbe interessarti