La differenza tra stretching pre e post allenamento

Lo stretching è una parte importante dell’allenamento. Preparare il proprio corpo ad un allenamento e rinfrescarsi alla fine può aiutare a ridurre il rischio di lesioni e dolori muscolari.

Lo stretching è estremamente utile per bilanciare la meccanica del tuo corpo. Ma quale forma di stretching è più importante? Allungamento pre-allenamento o post-allenamento? Ecco spiegata la differenza tra i due metodi e perché dovresti includerli come parte delle tue sessioni di allenamento.

Stretching pre-allenamento

Lo stretching prima dell’allenamento aiuta i muscoli, il tessuto connettivo e le articolazioni a riscaldarsi, offrendoti una maggiore libertà di movimento. Lo stretching pre-allenamento aiuta ad aumentare la temperatura interna, che rende più facile il movimento per i muscoli. Prima di un allenamento, è importante usare metodi di stretching dinamici, come gli swing di braccia e gambe. Questo perché mantengono il tuo corpo in movimento costante e preparano il tuo corpo per i movimenti che stai per compiere.

Lo stretching pre-allenamento comunica anche al tuo sistema nervoso che è ora di muoversi. Di conseguenza, le tue capacità di coordinazione e la frequenza cardiaca possono aumentare e i tuoi gruppi muscolari principali (come glutei, muscoli della schiena e addominali) inizieranno a lavorare per te.

Se eseguito correttamente, lo stretching pre-allenamento dinamico regolare può anche aiutare a migliorare le prestazioni, poiché le articolazioni possono diventare più flessibili nel tempo.

Stretching post allenamento

Dopo aver svolto un duro lavoro e terminato la sessione, lo stretching può aiutare a rilassarti. Lo stretching post allenamento è diverso dallo stretching pre-allenamento poiché si concentra sull’allungamento dei muscoli. Dopo il tuo allenamento, è una buona idea eseguire esercizi statici piuttosto che dinamici.

Gli allungamenti statici sono quelli in cui si mantiene una posizione per 10 secondi o più, il che può aiutare a sciogliere i muscoli. Lo stretching statico consente di concentrarsi su particolari gruppi muscolari, come flessori dell’anca e muscoli posteriori della coscia, o su altre aree che potrebbero sentirsi strette dopo l’allenamento. È anche una buona idea andare a fare una breve passeggiata come parte del tuo defaticamento, in quanto ciò può aiutare a rallentare la frequenza cardiaca. Cerca di allungare per almeno 5-10 minuti e assicurati di allungare entrambi i lati del corpo per un uguale periodo di tempo.

Talvolta potrà sembrarti difficile trovare del tempo per fare stretching, così come pure per l’allenamento, ma si tratta di uno step fondamentale per il benessere dell’organismo. Trascurare l’allungamento può comportare un maggiore rischio di lesionimentre seguire una normale routine pre e post allenamento può effettivamente migliorare le tue prestazioni e il recupero. È anche importante sapere quale stile di stretching dovresti seguire prima e dopo un allenamento.

B.G.
Il tuo consulente di bellezza

Potrebbe interessarti